Non è una notizia nuova che le recensioni siano molto importanti per i clienti e per le aziende. In realtà, per decenni le aziende hanno utilizzato i feedback dei clienti per poterli servire meglio. Ovviamente, i clienti sono la chiave al successo per il business e i clienti soddisfatti riferiscono spesso a nuove persone sulle attività della vostra azienda.

Ai nuovi clienti piace fare una ricerca sulle imprese prima di spendere i loro soldi e per questo che l’antico concetto di servizio qualità che porta più clienti a un azienda, ha funzionato per secoli.

 

Sono i link in entrata migliori delle recensioni per la SEO?

Coloro che hanno un po’ di conoscenze sulla SEO sanno che i link in entrata sono una componente fondamentale per il posizionamento sui motori di ricerca per una determinata parola chiave. I link in entrata sono fondamentalmente “voti” di un sito per un altro sito. In altre parole, se il vostro sito riceve un backlink da un sito web correlato, i motori di ricerca lo ritengono un “voto” per il vostro sito e lo considerano come un sito di qualità.

Dato che Google utilizza i robot per raccogliere informazioni e decifrare il web, un backlink è un modo per dare valore ad un particolare sito web per una determinata parola chiave. Google raccoglie questi “voti” da siti web di tutto il mondo e poi decide quali siti web hanno più autorità per una ricerca o per una parola chiave.

Purtroppo, ci sono anche strategie di marketing che coinvolgono campagne di backlink aggressive (black-hat) realizzate al fine di ottenere un buon posizionamento, le quali però sono considerate spam. Google ha combattuto queste tattiche per molti anni. E finalmente i motori di ricerca stanno prendendo le misure necessarie per eliminare queste tattiche di spam e talvolta punire coloro che continuano ad usarle.

Adesso i link in entrata sono considerati diversamente e hanno un valore del tutto diverso da quello che avevano qualche anno fa. Anche se sono ancora importanti, il loro ruolo è cambiato drasticamente. Oggi Google sta lentamente togliendo forza ai link in entrata come fattori di ranking e sta sostituendo la loro importanza con le recensioni degli utenti.

 

L’interesse sui social media come fattore di ranking

Non è certo una sorpresa che i social media sono diventati un vero fattore di ranking. I social media sono siti che coinvolgono l’interazione degli utenti e li guidano verso il sito. Facebook, Twitter, Google Plus sono tutte piattaforme di social media.

Negli ultimi anni si è visto un cambiamento nelle tattiche SEO per eliminare quelle strategie considerate spam e concentrarsi sulle persone reali attraverso i social media e i forum.

Ora che i social media sono la forza trainante dietro la maggior parte del traffico internet, è comprensibile che i motori di ricerca utilizzino le interazioni sui social media come fattore di ranking. Google tiene traccia del comportamento degli utenti e può dare un valore alle loro recensioni. Pertanto, è logico che Google faccia sempre più affidamento sugli utenti reali per classificare i siti.

 

Le recensioni sono i nuovi backlink

3Ci credereste che Google può anche valutare una recensione sulla base delle azioni e della cronologia della persona che ha lasciato la recensione? È vero. Google può farlo!

Infatti, Klout è stata una delle prime aziende ad assegnare un valore agli account di social media e Google ha seguito l’esempio.

Una recensione di un cliente che ha un account Google e che è attivo sui social media può avere un impatto più significativo nel posizionamento.

Crediamo che il futuro abbia in serbo grandi cambiamenti nel modo in cui i motori di ricerca valutano e posizionano i siti web e le recensioni degli utenti saranno una grande forza trainante per il ranking delle parole chiave.

Le recensioni sono molto positive per un business, ma non usate tecniche atte ad ingannare Google per avere più recensioni, come le recensioni false o a pagamento. Queste tattiche danneggeranno il vostro sito web in un prossimo futuro.

 

Pin It on Pinterest