Web Domus Italia https://www.webdomus.net Web Domus Thu, 18 May 2017 08:25:12 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.7.5 Cosa Dovete Controllare Prima di Mettere Online il Sito: in Modo da Aumentare Visibilità e Lead https://www.webdomus.net/cosa-dovete-controllare-mettere-online-sito-modo-aumentare-visibilita-lead/ https://www.webdomus.net/cosa-dovete-controllare-mettere-online-sito-modo-aumentare-visibilita-lead/#respond Thu, 18 May 2017 08:25:12 +0000 https://www.webdomus.net/?p=29038 1.Contenuto Spesso chi possiede un’azienda non riesce a vedere in modo oggettivo ciò che i clienti apprezzano dell’attività. In questo modo si finisce per creare contenuti che pubblicizzano l’azienda, i prodotti e servizi senza parlare delle soluzioni che l’attività offre e sul perché i clienti devono scegliere i vostri prodotti o servizi. L’obiettivo del contenuto […]

The post Cosa Dovete Controllare Prima di Mettere Online il Sito: in Modo da Aumentare Visibilità e Lead appeared first on Web Domus Italia.

]]>
1.Contenuto

Spesso chi possiede un’azienda non riesce a vedere in modo oggettivo ciò che i clienti apprezzano dell’attività. In questo modo si finisce per creare contenuti che pubblicizzano l’azienda, i prodotti e servizi senza parlare delle soluzioni che l’attività offre e sul perché i clienti devono scegliere i vostri prodotti o servizi.

L’obiettivo del contenuto è quello di dimostrare ai clienti che voi offrite le migliori soluzioni possibili.

Un titolo chiaro e conciso tramite il quale dimostrate di capire al meglio le necessità degli utenti è molto efficiente per prevenire che loro clicchino immediatamente per tornare Indietro. Il sito deve contenere contenuti che:

  • Informano gli utenti che voi siete alla conoscenza dei loro problemi e sfide
  • Raccontano come i vostri prodotti/servizi li possono aiutare a risolvere questi problemi
  • Dimostrano la vostra personalità, successi, sfide ecc.

Quindi, revisionate con attenzione i contenuti del sito in modo che possiate relazionarvi con gli utenti e dimostrarli che riuscite a capirli meglio degli altri competitor.

 2.Call to Action

Molte attività non includono le Call to Action (CTA) nelle pagine del loro sito e come risultato i visitatori abbandonano queste pagine senza aver stabilito nessun tipo di relazione con l’attività stessa. Dato che avete investito creando una strategia di marketing per attirare nuovi potenziali clienti, perché non creare Call to Action capaci di generare reazioni immediate e dirette?

Le CTA sono indispensabili per generare nuovi lead e a portare gli utenti a compiere certe azioni a cui la vostra attività e interessata. Siate chiari su ciò che volete che gli utenti facciano quando visitano il vostro sito, e fate il possibile per indirizzarli verso quella direzione.

3.Pagina contatti visibile e ben disegnata

Per la maggior parte delle attività online una delle pagine più visualizzate è quella dei contatti. Però, molte aziende non dedicano l’attenzione necessaria a questa pagina.

Una pagina dei contatti ben disegnata può aiutarvi ad aumentare i lead e relazionarvi  in un modo più semplice con i vostri clienti potenziali. Questa pagina è necessaria perché gli utenti possano mettersi in contatto con la vostra attività e da visitatori casuali diventare clienti potenziali.

La pagina dei contatti serve a:

  • Offrire la possibilità agli utenti di contattarvi con un solo click (click to call)
  • Rappresenta un modo facile e veloce di contatto disponibile 24/7
  • Includere indicazioni stradali
  • Informare sull’orario, giorni di apertura oppure il tempo che vi serve per rispondere alle loro domande o richieste
  • Includere anche le altre piattaforme online su cui l’attività e presente, così i clienti possono scegliere il loro mezzo  di comunicazione preferito, per mettersi in contatto con la vostra azienda.

A seconda dell’attività, potete includere anche:

  • Una sezione dedicata alle domande più frequenti
  • La chat dal vivo

Cercate di non sottovalutare l’importanza della pagina dei contatti. Una pagina di contatti ben disegnata è molto utile per stimolare l’interazione con gli utenti.

4.Design professionale

Per impressionare e catturare l’attenzione degli utenti avete a disposizione solo alcuni secondi. Se il design del sito non è aggiornato e professionale gli utenti possono pensare che anche l’attività che rappresenta è “datata” o peggio ancora non operante. Il sito deve essere appariscente e nello stesso tempo comunicare i valori del marchio con tutti gli utenti.

I siti web di oggi prediligono design chiari e organizzati in modo da attirare e trattenere l’attenzione dei visitatori. Il contenuto “ideale”contiene titoli, è organizzato in paragrafi, è ben strutturato e sottolinea i passaggi più importanti. Gli elementi visivi sono più prominenti e il testo è conciso, ma anche educativo.

Come tutti gli altri elementi di una buona strategia di marketing, anche il sito deve lavorare per la vostra attività. Ma questo non significa che solo perché l’effetto parallax è di moda, non significa che è la scelta migliore e la più adatta al vostro caso. Quello che dovreste fare è scegliere un tipo di design che possa servire al messaggio e obiettivo del vostro brand.

5.Navigazione semplice e facile

Se i visitatori devono cliccare tutte le pagine del sito per trovare l’informazione che stanno cercando, allora li avete persi come clienti potenziali. Il contenuto deve essere organizzato in modo tale da essere facile da trovare, senza che gli utenti si impegnino molto.

Ricordatevi anche che la maggior parte degli utenti navigano da cellulare o tablet, perciò l’esperienza utente deve essere la stessa come quando si visita il sito dal computer.

6.Design responsivo

Con il passare del tempo i dispositivi mobile stanno sostituendo i computer e per questo motivo i siti web devono essere mobile friendly e l’esperienza utente essere la stessa indipendentemente dal dispositivo usato. Più della metà delle ricerche su Google, uno dei motori di ricerca più usati, viene effettuata dai dispositivi mobile per questo l’esperienza utente, per quanto riguarda sia la usabilità che la performance, deve essere il vostro obiettivo principale.

A parte il design responsivo, il sito web dovrebbe anche supportare le pagine super veloci (AMP-Accelerated Mobile Page), in modo da migliorare l’esperienza per gli utenti mobile, velocizzando così i tempi di carica delle pagine.

Assicuratevi che anche le immagini si possano visualizzare propriamente su tutti i dispositivi possibili, sia computer, cellulari o tablet.

7.Ottimizzazione sito per una maggiore visibilità

L’ottimizzazione è necessaria perché il sito possa essere trovato dagli utenti nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca. Se il sito non appare nelle prime pagine delle SERP il contenuto valido ed eccezionale serve a poco.

Per l’ottimizzazione del sito dovete:

  • Ottimizzare le pagine e gli articoli con una sola parola chiave in modo che i motori di ricerca le possano indicizzare più facilmente
  • Creare meta description che possano attirare gli utenti e spingerli a cliccare sul link dalla pagina nei risultati dei motori di ricerca
  • Scrivere contenuti di qualità tenendo sempre presenti le necessità e aspettative degli utenti/clienti

Anche le immagini sono utilissime per attirare l’attenzione e l’interesse degli utenti, però devono prima essere ottimizzate per i motori di ricerca.

Quando scegliete le immagini del sito fate attenzione a:

  • Scegliere immagini adatte al contenuto
  • Scegliere immagini originali
  • Correggere le dimensioni delle immagini

L’ottimizzazione delle immagini viene spesso sottovalutata, invece è molto utile per indicizzare le pagine e attirare l’attenzione e l’interesse degli utenti online.

8.Tempo di carica delle pagine

Il tempo di carica delle pagine è molto importante perché influenza anche la posizione e visibilità del sito sui motori di ricerca. Se i clienti non vedono un sito veloce allora molto probabilmente cliccheranno subito Indietro e questo per Google è un segnale in merito alla qualità e l’esperienza utente che il sito offre.

La velocità di carica dipende anche da fattori come: servizio hosting, immagini troppo grandi, plug-in lenti e temi.

9.Transport Layer Security (TLS)

Google incoraggia l’uso del TLS per prevenire tutti i problemi che derivano dalla mancanza di sicurezza online. Anche se non tutti i siti sono degli e-commerce, i TLS sono necessari perché:

  • Aumentano la sicurezza degli utenti quando si tratta di inserire dati personali
  • Danno un leggero vantaggio alla visibilità del sito

10.Sicurezza

La sicurezza di un sito è influenzata da molti fattori. Tra i quali dovreste considerare:

  • Eliminare gli account che includono il termine “admin”. Questa è la parola che attira di più l’attenzione degli hacker.
  • Fare un backup del sito in caso questo venga compromesso.
  • Installare un plug-in di sicurezza

The post Cosa Dovete Controllare Prima di Mettere Online il Sito: in Modo da Aumentare Visibilità e Lead appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/cosa-dovete-controllare-mettere-online-sito-modo-aumentare-visibilita-lead/feed/ 0
5 Consigli per Migliorare la Vostra Strategia di Online Marketing https://www.webdomus.net/5-consigli-migliorare-la-vostra-strategia-online-marketing/ https://www.webdomus.net/5-consigli-migliorare-la-vostra-strategia-online-marketing/#respond Thu, 18 May 2017 08:04:36 +0000 https://www.webdomus.net/?p=29032 L’online marketing comprende tutti i mezzi di comunicazione digitale (sito web, e-mail, reti sociali, video ecc.) che le attività usano per attirare e trattenere l’attenzione degli utenti online. Mentre le strategie di marketing tradizionale si concentrano sull’attirare l’attenzione e l’interesse delle persone usando la TV o la radio, le strategie di online marketing usano le […]

The post 5 Consigli per Migliorare la Vostra Strategia di Online Marketing appeared first on Web Domus Italia.

]]>
L’online marketing comprende tutti i mezzi di comunicazione digitale (sito web, e-mail, reti sociali, video ecc.) che le attività usano per attirare e trattenere l’attenzione degli utenti online.

Mentre le strategie di marketing tradizionale si concentrano sull’attirare l’attenzione e l’interesse delle persone usando la TV o la radio, le strategie di online marketing usano le interfacce digitali per raggiungere la propria audience.

Con la progressiva affermazione delle reti social, l’online marketing è diventato molto interattivo. Fare marketing con i clienti attuali, i clienti potenziali e le altre compagnie dello stesso settore ha trasformato la comunicazione unidirezionale in comunicazione multidimensionale, dove i consumatori aiutano anche alla produzione del contenuto dei marchi online.

I diversi componenti che completano il web marketing e le diverse tattiche usate per stimolare l’interazione tra clienti e marchio sono argomenti che potrebbero riempire le pagine di molti libri. Comunque, ci sono dei principi base che sostengono le diverse pratiche dirette a costruire le fondamenta di una buona strategia di online marketing.

Ecco alcuni consigli sul come usare al meglio questi principi e incrementare l’interazione con i clienti; elementi indispensabili che servono a costruire l’immagine della propria attività.

1.Contenuto coinvolgente

Se c’è qualcosa da ricordarsi prima di creare o modificare una strategia di content marketing è questa: le necessità dell’attività devono coincidere con quelle del vostro target. Quando sviluppate un sito web o create profili social, state creando contenuti di valore sia per i consumatori che per i maggiori influencer del settore.

Create una strategia di marketing in grado di servire ad ogni altro mezzo di comunicazione in modo da indurre i consumatori a tornare sempre al vostro sito, a rinforzare l’immagine e il messaggio del proprio marchio.

Ecco alcuni altri consigli utili:

-Se non lo avete ancora fatto, adesso è il momento di creare una buona strategia di content marketing in modo da identificare le necessità e aspettative del vostro pubblico di riferimento, fissare gli obiettivi da raggiungere e i mezzi per misurarne il successo.

Condividere i contenuti in ogni piattaforma online. In questo modo avete la possibilità di raggiungere più utenti.

Creare almeno due articoli a settimana. Questi articoli li potete postare sul blog oppure alla sezione dedicata alle informazioni utili e necessarie per gli utenti. WordPress, Medium e Tumblr sono solo alcune delle opzioni a disposizione delle piccole e medie imprese.

Landing page. Assicuratevi di creare landing page accattivanti per ogni campagna in modo da attirare e reindirizzare gli utenti verso il sito.

Monitorare le recensioni e i feedback dei clienti. Prestate attenzione alle recensioni e ai feedback dei clienti in modo che possiate utilizzarli come riferimento per i prossimi articoli. Ad esempio, si possono scrivere una serie di articoli per rispondere alle domande più frequenti dei clienti.

Se online il contenuto è il “re”, allora alcuni esperti di SEO potrebbero argomentare che la tassonomia del sito è la “regina”. La tassonomia è la scienza che si occupa genericamente dei modi di classificazione, in questo caso si occupa della categorizzazione e organizzazione del contenuto. Questi elementi non sono semplici categorie, sottocategorie o tag che servono per l’organizzazione del sito; la tassonomia include anche la struttura delle URL del sito, il menu di navigazione e la breadcrumb.

Assicuratevi che a parte il contenuto di valore, il sito sia anche user-friendly e facile da navigare. Inoltre, il design del sito deve essere mobile-friendly e funzionare propriamente in qualsiasi dispositivo (computer, cellulare, tablet).

2.SEO

Anche quando si parla di SEO il contenuto è sempre il “re”. Uno dei modi migliori per avere un sito rilevante per i motori di ricerca è postando contenuti di alta qualità e rilevanti. In altre parole: evitare l’uso eccessivo delle parole chiave e creare contenuti in grado di attirare l’attenzione degli utenti fino al punto da condividerli con i loro amici online.

Poiché la posizione del sito sulle SERP di Bingo, Google, Yahoo ecc. è uno dei mezzi principali tramite il quale i clienti possono trovare il vostro sito, dovete aumentare anche l’importanza e rilevanza del contenuto offerto e di conseguenza migliorare anche la posizione nelle SERP.

In altre parole, questo significa:

Migliorare la visibilità dei contenuti rilevanti postandoli nella parte iniziale del sito. In questo modo gli utenti possono visualizzare per prima il contenuto migliore, invece di cliccare diverse pagine fino a tornare Indietro senza aver trovato niente di valore.

Ottimizzare le immagini del sito tramite il tag Alt.

Aggiungere anchor text descrittivi che portano gli utenti in altre pagine o sezioni del sito. Il micro testo che usate per descrivere questi link deve avere lo scopo di aumentare il tasso di conversione.

-Anche le meta descrizioni sono molto importanti e necessarie per fare una breve rappresentazione di ciò che i visitatori si possono aspettare cliccando sulla pagina.

-Non dimenticatevi di creare un account su Google My Business in modo da apparire anche su Google Maps. Questo è molto importante specialmente se avete un negozio o attività “fisica”.

3.Social media

Oggi giorno le reti social sono diventate una parte integrale di ogni strategia di marketing online. Infatti, uno studio è giunto alla conclusione che il 52% degli utenti di internet sono attivi in almeno due piattaforme social.

Le reti social offrono l’opportunità di condividere e promuovere il contenuto del sito web, cosa che pone l’accento sull’importanza di usare le piattaforme preferite dei clienti attuali o potenziali, invece di spendere tempo ed energie in piattaforme che non coincidono con l’attività o con gli utenti che vi seguono.

Ad esempio, se la vostra attività è concentrata nel settore B2B (Business-to-Business), allora sarebbe più sensato usare LinkedIn invece di Instagram come parte della vostra strategia di online marketing.

Ecco alcuni consigli utili per ottimizzare la strategia di marketing tramite le reti social:

Se ancora non avete creato una strategia per le reti social il momento di crearla è adesso. Se invece avete già una strategia per i social media, allora cercate di analizzare il lavoro fatto e i risultati raggiunti per vedere se è necessario fare cambiamenti o miglioramenti. Poiché i trend sulle reti social sono in continuo aggiornamento, la stessa cosa deve succedere anche con rispetto alla vostra strategia di marketing.

Includere anche i video. Per completare la vostra strategia di marketing online potete prendere in considerazione di investire nella produzione di alcuni video professionali e condividerli su Youtube, il secondo motore di ricerca più usato, dopo Google. Avere una buona presenza su Youtube significa avere la possibilità di raggiungere molti clienti che sono più propensi a guardare un video che leggere un articolo.

Mostrate i vostri prodotti, spiegate i loro benefici e includete anche le testimonianze dei clienti soddisfatti. Sotto i video, nella sezione dedicata alla descrizione, potete includere il link al sito e i profili sulle altre reti social.

Usare le reti social per raccogliere il feedback dei clienti

Non concentratevi solo nella pubblicazione dei contenuti, invece cercate di usare le reti social per rispondere alle domande o richieste dei clienti. Questo è molto utile per dimostrare che la vostra attività si preoccupa di interagire con i propri clienti.

Il blog dell’attività, la pagina Facebook o Twitter ecc. sono un’ottima alterativa dalla quale ricavare domande, richieste o nuove idee dagli utenti. Per di più, i contenuti online, gli articoli e i video su Youtube sono indicizzati dai motori di ricerche il che aiuta molto quando si tratta di aumentare la vostra presenza online e la posizione sulle SERP.

4.Ottimizzazione mobile 

Alcune ricerche e studi hanno dimostrato che ogni giorno vengono attivati 1.3 milioni di dispositivi Android e che le persone controllano il cellulare e le app, circa 150 volte al giorno.

Questo dimostra che una strategia di marketing online non è un’opzione ma un “must” se si desidera avere successo online. Anche se avete sviluppato un sito web molto interessante e il contenuto è facile da trovare è necessario anche che il sito sia ottimizzato per i diversi dispositivi usati dagli utenti, che siano questi cellulari, computer, tablet o altro.

Se create un sito dal design responsivo – siti in grado di adattarsi in modo automatico al dispositivo dal quale vengono visualizzati – potrete evitare anche le spese che servirebbero per costruire un altro sito mobile-friendly.

Per un design responsivo assicuratevi di:

-Verificare la navigazione del sito da ogni dispositivo e sistema operativo disponibile; iOS, Android, OS X e Windows.

-Scegliere temi e immagini ottimizzate per ogni dispositivo.

-Se pensate che un’applicazione mobile possa migliorare l’esperienza utente allora conviene investire anche nello sviluppo di un’app mobile.

5.Analytics

I dati forniti dagli strumenti di analytics sono necessari per valutare l’andamento e i risultati di una strategia di marketing online, anche se a volte e molto difficile capire quali elementi bisogna analizzare. I primi elementi da considerare sono il numero delle visualizzazioni, la percentuale di click, il tasso di conversione, le pagine più visitate e la frequenza di rimbalzo.

Se non avete scelto ancora il modo o il mezzo da usare per analizzare il vostro sito potete scegliere tra:

-Moz Analytics
-Google Analytics
-Webtrends

Per le pagine sui social media potete scegliere tra:

-Facebook Page Insights
-Twitter Analytics
-Hootsuite

Per la campagna di e-mail marketing potete scegliere tra:

-MailChimp
-Campaign Monitor
-VerticalResponse

La creazione di una buona strategia di marketing richiede un po’ di tempo, però è molto efficiente per trovare e trattenere i clienti online.

The post 5 Consigli per Migliorare la Vostra Strategia di Online Marketing appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/5-consigli-migliorare-la-vostra-strategia-online-marketing/feed/ 0
Le 8 Migliori Alternative a Dropbox per Salvare i File Online https://www.webdomus.net/le-8-migliori-alternative-dropbox-salvare-file-online/ https://www.webdomus.net/le-8-migliori-alternative-dropbox-salvare-file-online/#respond Thu, 18 May 2017 07:28:03 +0000 https://www.webdomus.net/?p=29027 Con il servizio di conservazione dati lanciato nel 2007, Dropbox ha rivoluzionato il nostro modo di condividere, trasferire e salvare i file. Oggi il valore di questo software è giunto a 1 miliardo di dollari. Quindi non c’è da meravigliarsi se il primo servizio che ci viene in mente quando si parla di conservazione dati […]

The post Le 8 Migliori Alternative a Dropbox per Salvare i File Online appeared first on Web Domus Italia.

]]>
Con il servizio di conservazione dati lanciato nel 2007, Dropbox ha rivoluzionato il nostro modo di condividere, trasferire e salvare i file.

Oggi il valore di questo software è giunto a 1 miliardo di dollari. Quindi non c’è da meravigliarsi se il primo servizio che ci viene in mente quando si parla di conservazione dati sia Dropbox. Però, popolarità a parte, Dropbox è veramente la miglior piattaforma per salvare i propri file e documenti?

Oggi online ci sono anche molte altre alternative per salvare e condividere i propri file, quali:

1.SpiderOak One

SpiderOak One è molto noto per l’importanza dedicata alla privacy degli utenti. I servizi di questo sistema di conservazione e condivisione dati sono stati consigliati anche da Edward Snowden. Durante un’intervista, Snowden ha menzionato SpiderOak One come l’alternativa migliore a Dropbox in termini di sicurezza e crittografia.

Diversamente da Dropbox, SpiderOak One usa la crittografia end-to-end per proteggere i file degli utenti, questo significa che nemmeno lo staff di SpiderOak One può visualizzare i vostri file. Questa caratteristica rende questo servizio molto sicuro per conservare anche documenti confidenziali senza preoccuparsi degli hacker, del governo o altre compagnie che possono beneficiare dei dati personali di diversi utenti.

Per sfortuna, SpiderOak One non è gratuito. Offre un servizio di prova per 21 giorni e i costi cominciano da $5 al mese per 100GB di spazio, $9 al mese per 250GB, and $12 al mese per 1TB.

2.Tresorit

Tresorit è un altro servizio di conservazione file che usa la crittografia end-to-end. Tresorit, infatti, è leggermente più costoso di SpiderOak, però questo si giustifica con le caratteristiche dedicate alla sicurezza dei vostri documenti.

Altre caratteristiche di Tresorit includono l’applicazione mobile che protegge anche i file salvati dal cellulare e non solo dal computer e l’autenticazione a due fattori (2FA).

Tresorit ha anche un’opzione di dimostrazione a conoscenza zero o protocollo a conoscenza zero, che gli permette di condividere file e folder con la crittografia end-to-end e collaborare con un intero team. Si possono inserire anche scadenze, limiti di download e password per un’ulteriore protezione delle file.

I prezzi di Tresorit sono 10€ al mese per 100GB di spazio per la sincronizzazione dei file tra 5 computer,  25€ al mese per 1TB di spazio per la sincronizzazione dei file tra 10 computer. Potete anche accedere alla prova gratuita di 14 giorni.

3.Mega

Kim Dotcom, fondatore di Megaupload, ha lanciato Mega come un modo di reclamare il suo posto sul mercato online dopo che il governo statunitense ha segnalato il suo sistema di conservazione e condivisione file come un mezzo di violazione del copyright. Prima di lanciare Mega, Dotcom ha preso tutte le precauzioni possibili e questa volta tocca agli utenti preoccuparsi dei diritti d’autore. Questo significa che Mega non può visualizzare o accedere ai file inseriti dagli utenti e solo questi ultimi sono responsabili per i documenti salvati.

Mega, inizialmente lanciato come “The Privacy Company”, usa la crittografia end-to-end per proteggere i file degli utenti. Per di più, ha anche un app per accedere e condividere i file o i folder anche dal cellulare. Mega mette a disposizione 50GB di spazio gratuitamente. Gli altri piani a pagamento variano da 4.99€ al mese per 200GB a 9.99€ al mese per 500GB di spazio.

4. Resilio Sync

Resilio Sync, prima noto come Bittorrent Sync, tecnicamente non è un servizio di conservazione file online. Infatti, è un software che permette di sincronizzare i file tra diversi computer senza dover ricorrere a un altro provider che offra servizi di conservazione file online.

Questo significa che invece di conservare i file utilizzando un servizio di conservazione online offerto da una compagnia esterna, i file e folder si possono sincronizzare e salvare tra i vostri stessi dispositivi. Il software offre un alto livello di privacy, infatti, nessuno può interferire con i vostri file e non ci sono dei limiti sui file da salvare. Fino a quando avete spazio sufficiente sul computer, potete sincronizzare e salvare tutte i file che desiderate. Per di più, Resilio Sync è molto veloce quando si tratta di scaricare e visualizzare anche i file più pesanti.

Recentemente Resilio Sync ha fatto alcuni cambiamenti, però il concetto rimane lo stesso. Il software si può scaricare gratuitamente e si ha la possibilità di scegliere anche l’opzione Pro per $39.99.

5.Google Drive

È giunto il momento di passare ai servizi di conservazione file online meno sicuri. La buona notizia è che questa lista include alcuni dei servizi più affidabili, la brutta notizia è che non offrono la crittografia end-to-end per proteggere la vostra privacy.

Se per voi la privacy non è un problema, Google Drive è la miglior alternativa. Non offre solo 15GB di spazio gratuito, ma anche app gratuite di Office come MS Word, Sheets ecc.

Anche se Drive non usa la crittografia end-to-end la vostra privacy è importante. Quindi, anche su Google Drive i file sono al sicuro. Per di più potete anche caricare ogni tipo di materiale senza preoccuparvi della violazione della privacy. Fino a quando i file saranno creati e salvati a scopo personale, non si rischia niente.

6.Box

Box è il competitor principale di Dropbox. Quando Dropbox lanciò una nuova opzione nota come Dropbox Paper, Box fece lo stesso, lanciando una opzione alquanto simile nota come Box Notes. Dal primo momento Box non ha fatto altro che seguire i passi di Dropbox.

Box offre da 10GB fino a 250MB di spazio gratuitamente.

7.OneDrive

OneDrive ha subito vari cambiamenti negli ultimi anni, dal cambio del nome ai costi del servizio. Comunque sia, OneDrive è un altro servizio di conservazione file online che offre anche l’accesso alle app di Office.

OneDrive è molto popolare specialmente tra gli utenti di Windows, grazie anche al fatto che è già installato sul sistema operativo di Windows. 5GB di spazio sono offerti gratuitamente. 50GB di spazio costano $1.99 al mese e con $6.99 si può avere a disposizione 1TB di spazio.

8.Amazon Drive

Amazon Drive è un altro servizio di conservazione e condivisione file online. Però, non offre l’opzione della sincronizzazione automatica dei file e la sicurezza della privacy è minima.

Comunque, con solo $59.99 all’anno offre spazio illimitato per salvare e condividere i propri file e folder. Se avete un account Amazion Prime, potete usare Amazon Drive gratuitamente per salvare foto, video, musica e ogni altro tipo di file.

Conclusione 

La privacy non ha prezzo. Quando si tratta di proteggere la propria privacy, specialmente online non dovete risparmiare molto. Indipendentemente dalla piattaforma scelta, prima prendetevi il tempo di leggere bene le condizioni della privacy e i termini di uso.

The post Le 8 Migliori Alternative a Dropbox per Salvare i File Online appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/le-8-migliori-alternative-dropbox-salvare-file-online/feed/ 0
PMI: Come Attirare e Trattenere i Follower nelle Reti Sociali https://www.webdomus.net/pmi-attirare-trattenere-follower-nelle-reti-sociali/ https://www.webdomus.net/pmi-attirare-trattenere-follower-nelle-reti-sociali/#respond Wed, 17 May 2017 15:40:19 +0000 https://www.webdomus.net/?p=29024 Le reti sociali sono un mezzo di comunicazione facile ed efficiente al tempo stesso. Le piccole imprese possono usare i social media a loro vantaggio per pubblicizzare il loro marchio, comunicare con i clienti e costruire una rete di business più efficacie. Due sono i passi da intraprendere per avere successo nelle reti sociali: attirare […]

The post PMI: Come Attirare e Trattenere i Follower nelle Reti Sociali appeared first on Web Domus Italia.

]]>
Le reti sociali sono un mezzo di comunicazione facile ed efficiente al tempo stesso. Le piccole imprese possono usare i social media a loro vantaggio per pubblicizzare il loro marchio, comunicare con i clienti e costruire una rete di business più efficacie. Due sono i passi da intraprendere per avere successo nelle reti sociali: attirare nuovi follower e trattenere quelli esistenti.

1.Attirare nuovi follower

Targettizzare gli utenti. Potete targetizzare gli utenti in base al paese, dove vivono, all’età, al sesso o alla lingua.

-Concentrarsi su quello che piace agli utenti. Facebook ad esempio, usa vari strumenti per scoprire ciò che piace agli utenti. Questi dati vengono poi condivisi con gli inserzionisti e questo significa che avete la possibilità di creare messaggi personalizzati per il vostro pubblico di riferimento.

-Usare i “Contatti”. Cercate di targetizzare anche i follower di quelle persone che hanno dimostrato interesse nella vostra attività. Le persone parlano tra di loro sui marchi ai quali sono interessati. E se state facendo bene le cose è molto probabile che gli utenti parlino dei vostri prodotti e servizi. Perciò, quando i vostri annunci vengono visualizzati anche dagli amici dei vostri follower, li sarà più facile recepire il vostro messaggio.

-Usare Facebook per targetizzare gli utenti che visitano regolarmente il sito web. Un ottimo modo per aumentare il numero delle vendite è targetizzare sulle piattaforme sociali le persone che hanno già visitato il sito web. Questo gruppo di utenti conosce già il vostro marchio. In questo modo potete raggiungere sia i clienti attuali che clienti che non hanno ancora acquistato i vostri prodotti/servizi.

-Usare l’e-mail. Molte persone usano la stessa e-mail per accedere in diverse piattaforme, quindi è molto probabile che utilizzino sulle piattaforme social la stessa e-mail che vi hanno fornito quando hanno acquistato qualcosa dal vostro sito o quando si sono iscriverti alla newsletter.

-Targetizzare sosia digitali del vostro pubblico di riferimento. Potete targetizzare utenti simili ai vostri follower. Facebook ad esempio, sceglie in automatico le persone il cui comportamento, preferenze, interessi e posizione coincidono con quelle dei vostri follower attuali, cosicché potete utilizzate questa funzionalità a vostro favore.

2.Trattenere i follower attuali

-Evitare lo spam. Cercate di non postare lo stesso messaggio ogni volta. Non c’è niente di sbagliato nel pubblicare lo stesso messaggio, ma cercate di farlo in modi diversi. Se ad esempio, state postando in piattaforme differenti nello stesso modo, formulate il messaggio in modo che si adatti agli utenti di ciascuna di queste piattaforme.

-Accettare le critiche. L’obiettivo per essere presenti sulle reti sociali è quello di interagire con la propria audience, cosicché in caso un utente pubblichi una recensione negativa relazionata con i vostri prodotti e servizi almeno ne sarete a conoscenza e avrete modo di interagire e rispondere alle critiche degli utenti dimostrandoli così che dietro al marchio ci sono persone che sanno ascoltarli. Non esitate e difendere il vostro brand e vostri punti di vista perché le persone valutano di più un marchio che ha le idee chiare e sa quello che vuole e ciò che rappresenta.

-Essere attivi nei social media. La cosa peggiore che potete fare, sempre concernente alle reti sociali, è attirare una certa audience o gruppo di follower e poi “sparire”. Un account non aggiornato parla male di voi. Quindi non trascurate le reti sociali che rappresentano la vostra attività.

-Fare delle ricerche. Prestate attenzione alle persone che vi seguono, ai post e al contenuto che a loro piace. A questo proposito potete usare Facebook o Twitter Analytics per capire il contenuto che piace di più agli utenti e così pubblicare contenuti pertinenti.

-Essere appassionati. Ricordatevi che non avete creato i profili sui social per essere dei semplici spettatori e che se non siete voi a parlare per primi del vostro marchio, nessun altro lo farà. È sempre preferibile impegnarsi per trasmettere la passione che avete per quello che fate, perché amate il vostro marchio e perché vi piace interagire con altre persone sulle reti sociali. Quindi, parlate di più del vostro marchio, interagite con i follower e i loro amici e aggiornate sempre tutti i profili con contenuti nuovi. Dimostrate di avere la giusta passione e dedicazione.

-Aumentare il valore del marchio tramite la pubblicazione di contenuti originali. Cercate di non riproporre sempre lo stesso tipo di contenuto, invece create di creare contenuti originali da condividere con gli utenti. Cercate di proporre dei punti di vista e opinioni originali, elementi che altre attività non hanno condiviso prima di voi. Non dovete cercare di adattarvi agli altri e fare quello che le altre attività stanno facendo o condividendo, cercate di creare qualcosa di interessante e di valore che vi renda originali e unici.

Seguendo questi passi noterete un grande miglioramento per quanto riguarda la vostra presenza sulle reti sociali. Cosi avrete il modo di crescere e rendere ancora più nota la vostra attività.

The post PMI: Come Attirare e Trattenere i Follower nelle Reti Sociali appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/pmi-attirare-trattenere-follower-nelle-reti-sociali/feed/ 0
10 Errori di Online Marketing da Evitare https://www.webdomus.net/10-errori-online-marketing-evitare/ https://www.webdomus.net/10-errori-online-marketing-evitare/#respond Wed, 17 May 2017 15:15:44 +0000 https://www.webdomus.net/?p=29019 1. Mancanza di una strategia social Forse state postando sull’account Facebook della vostra impresa una volta a settimana oppure su Twitter ogni volta che trovate il tempo. Forse avete creato anche un account su Pinterest. Forse … Se non avete creato ancora una strategia di marketing per i social media allora il tempo che gli […]

The post 10 Errori di Online Marketing da Evitare appeared first on Web Domus Italia.

]]>
1. Mancanza di una strategia social

Forse state postando sull’account Facebook della vostra impresa una volta a settimana oppure su Twitter ogni volta che trovate il tempo. Forse avete creato anche un account su Pinterest. Forse … Se non avete creato ancora una strategia di marketing per i social media allora il tempo che gli state dedicate di volta in volta è tempo e investimento perso. Per avere successo vi serve una buona strategia di marketing, indipendentemente dal target o dall’audience che volete raggiungere.

2. Incentrarsi solo sul contenuto promozionale

Prendetevi un momento per valutare la presenza del vostro brand sulle varie piattaforme disponibili online. Se vi chiediamo di differenziare il contenuto che pubblicate, contenuto promozionale vs contenuto creato a posta per gli utenti (senza che si tratti di auto promozione), quest’ultima categoria che percentuale dei post occuperebbe? Se la vostra attività pubblica solo contenuti incentrati sul proprio brand è molto probabile che i visitatori rinuncino a seguirvi. Una percentuale “ideale” sarebbe 80/20, dove il 20% rappresenta il contenuto promozionale.

3. Non installare Google Analytics

Se non avete incorporato ancora Google Analytics al vostro sito allora non avete la possibilità di tracciare l’andamento del sito e valutare certi dati come il traffico, le visite al sito ecc. Senza l’uso di questo strumento gratuito di valutazione del sito, non avete modo di tracciare i visitatori, le pagine che visitano di più, il tempo che passano esplorando diverse pagine, l’andamento delle strategie di marketing ecc. Questi elementi sono però solo la punta dell’iceberg. Installate Google Analytics e così potrete valutare di persona ogni elemento e informazione del sito.

4. Sito web non ottimizzato per i motori di ricerca

Un sito può avere un ottimo design però se non è ottimizzato per apparire nelle prime pagine dei risultati dei motori di ricerca quando gli utenti cercano servizi o prodotti simili a quelli che l’azienda offre, allora si rischia di compromettere l’intera strategia di marketing. Se gli utenti non vi possono trovare nelle SERP dei motori di ricerca allora l’investimento fatto per quel “design bellissimo “, non serve a molto.

5. Non investire sul design responsivo

Forse avete già speso molto per la creazione del sito e non avete la possibilità di investire anche nella versione per cellulari. Forse pensate anche che il vostro pubblico di riferimento non usa i cellulari per fare acquisti online. Ma le ultime ricerche hanno confermato che con il passare del tempo il numero degli utenti che usano solo i dispositivi mobile per informarsi o fare acquisti, ha superato quello degli utenti desktop.

6. Non dedicare attenzione agli Owned Media

Il sito web dovrebbe essere il luogo, dove gli utenti e clienti potenziali si possono informare su di voi e sulla vostra azienda. In questo caso vi aiutano gli owned Media o canali di comunicazione di cui l’azienda è proprietaria e che può controllare, come sito web, fan page sui social ecc.

Uno dei vantaggi degli owned media è la possibilità di controllare assolutamente tutta l’informazione in merito al proprio brand, inserire Call to Action chiare e concise, e interagire con i clienti potenziali utilizzando il sito, le newsletter, e-book, coupon, offerte speciali e molto altro.

7. Non misurare i risultati di paid, earned, shared e owned Media

Come prima cosa bisogna installare Google Analytics. Indipendentemente dalla strategia di marketing applicata, è fondamentale misurare i risultati. Se non avete il modo di misurare i risultati e assegnare obiettivi concreti, forse conviene prima valutare se una strategia di marketing sia o no necessaria. Questo significa che le reti sociali, relazioni pubbliche, pubblicità su Google AdWords, newsletter, blog post e altri elementi devono essere valutati uno ad uno.

8. Assenza di lead

Postare contenuti di valore senza includere Call to Action, significa perdere la possibilità di relazionarsi con possibili clienti. Per lo meno al sito non deve mancare la sezione “Contatti”. Meglio ancora se inserite anche l’opzione della e-mail o newsletter dove i visitatori possono inserire i loro dati e interagire con l’attività prima di passare alla pagina delle vendite.

9. Non avere una newsletter

Le newsletter fanno parte degli Owned Media. Dopo aver pensato ad un calendario e aver scelto il template delle newsletter, le Call to Action sono il prossimo elemento a cui dovete prestare massima attenzione. Ricordatevi di usare la vostra mailing list nel migliore dei modi. La lead generation non serve a molto se non vi impegnate a interagire e trattenere l’attenzione degli utenti e poi “trasformarli” in clienti.  Il contenuto e la frequenza di invio delle newsletter dipende dal tipo di servizio/prodotto offerto e dalle preferenze del vostro pubblico di riferimento.

10. Non pensare alla SEO e ai contenuti

Questi sono gli elementi che richiedono maggiore investimento e non potete permettervi che l’impegno sia invano.  Il fatto che abbiate affidato la creazione del vostro sito ad una web agency non significa che il vostro sito sarà automaticamente ottimizzato per i motori di ricerca. Non tutte le agenzie di web design offrono anche servizi SEO perciò è importante scegliere un’agenzia che offra anche consulenza o servizi SEO.

The post 10 Errori di Online Marketing da Evitare appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/10-errori-online-marketing-evitare/feed/ 0
ProntoPro: un nuovo modo di trovare professionisti o artigiani https://www.webdomus.net/prontopro-un-modo-trovare-professionisti-artigiani/ https://www.webdomus.net/prontopro-un-modo-trovare-professionisti-artigiani/#respond Thu, 04 May 2017 11:21:26 +0000 https://www.webdomus.net/?p=29014 ProntoPro sta cambiando il mercato italiano dei servizi. È il maggior marketplace di servizi in Italia che mette in contatto clienti e professionisti di diversi settori, quali: eventi, lezioni, fotografia, giardinaggio, musica, wellness, servizi per la casa e molto altro. Dopo aver accesso al sito vi bastano 2 minuti per indicare quello di cui avete […]

The post ProntoPro: un nuovo modo di trovare professionisti o artigiani appeared first on Web Domus Italia.

]]>
ProntoPro sta cambiando il mercato italiano dei servizi. È il maggior marketplace di servizi in Italia che mette in contatto clienti e professionisti di diversi settori, quali: eventi, lezioni, fotografia, giardinaggio, musica, wellness, servizi per la casa e molto altro. Dopo aver accesso al sito vi bastano 2 minuti per indicare quello di cui avete bisogno, e ProntoPro invierà la vostra richiesta ai migliori professionisti del settore, proponendovi 5 preventivi entro le 48 ore successive i quali li potrete confrontare e scegliere quello che meglio soddisfa le vostre esigenze.

In più i clienti possono contattare i professionisti via messaggio o al telefono per qualsiasi dubbio senza nessuna spesa e senza impegno. Il servizio è attivo in tutta Italia e presenta a tutti gli utenti, un nuovo modo di trovare professionisti o artigiani per riparazioni in casa, servizi di catering, un corso di inglese, ecc. mettendovi in contatto, in pochi minuti con esperti della vostra zona, disponibili e qualificati.

Per saperne di più vi invito a leggere la mia intervista concessa ai talentuosi ragazzi di ProntoPro, in cui si parla di sviluppo app mobile e di quali sono le fasi da percorrere per sviluppare una nuova applicazione Android o iOS.-

The post ProntoPro: un nuovo modo di trovare professionisti o artigiani appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/prontopro-un-modo-trovare-professionisti-artigiani/feed/ 0
City-Hotel Template WordPress per Hotel Gratis https://www.webdomus.net/city-hotel-template-wordpress-per-hotel-gratis/ Fri, 21 Apr 2017 09:38:59 +0000 https://www.webdomus.net/?p=28994 The post City-Hotel Template WordPress per Hotel Gratis appeared first on Web Domus Italia.

]]>

WordPress è da diversi anni il CMS di riferimento nel Web Design grazie alla sua sorprendente flessibilità ed all’estesa possibilità di personalizzazione dei suoi temi; pertanto, noi di Web Domus lo abbiamo scelto come CMS principale per la realizzazione dei nostri siti.

Da questa pluriennale esperienza abbiamo appreso come, solo in alcuni settori, le personalizzazioni possibili non coprono tutte le principali necessità dei nostri clienti e pertanto abbiamo deciso di sviluppare un nostro tema che siamo lieti di presentarvi: City Hotel, il tema adatto alle necessità delle aziende che operano nel campo alberghiero.

City hotel

Nell’ideare il tema dedicato al popolare CMS WordPress, ci siamo domandati quali fossero le esigenze di base di un qualsiasi Hotel o Bed&Breakfast. Sulla base di tali esigenze abbiamo cercato di progettare il tema così da fornirvi tutti gli strumenti per promuovere al meglio il vostro albergo.

Il tema è suddiviso in sei pagine che raccolgono le sezioni indispensabili per questo tipo di attività: Camere, Cucina, Prezzi, Contatti, Prenotazione stanze e Blog.

Abbiamo creato il tema in modo tale da renderlo tanto leggero, facile e rapido da caricare, quanto ottimizzato per una navigazione fluida e veloce, intuitiva ed immediata sia da desktop che da smartphone. Per farlo abbiamo seguito la regola dei “tre click”: ogni pagina del sito è raggiungibile in massimo 3 click del mouse, o touch sullo schermo!

Volevamo sviluppare un tema che fosse d’aiuto alle aziende del settore alberghiero per esser subito visibili e raggiungibili dai loro clienti tramite il Web ed abbiamo raggiunto il nostro scopo: il tema è gratuito, facile da utilizzare, accessibile e navigabile da qualsiasi dispositivo, offre servizi immediati quali la prenotazione delle stanze e la possibilità di richiedere maggiori informazioni o di selezionare servizi aggiuntivi offerti dalla struttura ricettiva.

city-hotel tema wordpress

Il tema è di tipo ‘responsive’: si adatterà allo schermo del dispositivo da cui si accede, ed è corredato da diversi plugin gratuiti già noti per la piattaforma WordPress, garantendo cosi la continuità negli aggiornamenti.

Il tema è gratuito, per uso privato e commerciale: unico requisito richiesto, è lasciare nel piè di pagina (‘Footer’) l’autore (“Sviluppato da Web Domus Italia”) incluso il link che indirizza al nostro Sito Web nel rispetto della normativa vigente sui diritti di Copyright.

Per qualsiasi problematica riguardo la sua installazione, inviateci pure un email e saremo felici di aiutarvi.

Riepilogo delle caratteristiche:

• Aspetto professionale e lineare
• Effetto Parallax.
• Effetti e caratteristiche uniche.
• Effetti e transizioni fluide.
• Codice ottimizzato e sezioni bene organizzate.
• Compatibilità con i browser più usati: Chrome, Firefox, Safari, IE10 +, Opera
• Completamente Responsive – ottimizzato per tutti i dispositivi (PC, tablet e smartphone)
• Progettazione fluida a schermo intero – Questo tipo di design rende il contenuto senza bordi, qualunque sia la risoluzione dello schermo.

The post City-Hotel Template WordPress per Hotel Gratis appeared first on Web Domus Italia.

]]>
Come Usare l’A/B Testing per Aumentare il Tasso di Conversione https://www.webdomus.net/usare-a-b-testing-aumentare-tasso-conversione/ https://www.webdomus.net/usare-a-b-testing-aumentare-tasso-conversione/#respond Wed, 05 Apr 2017 14:08:50 +0000 https://www.webdomus.net/?p=28960 Sapete già in cosa consiste l’A/B Testing, noto anche come split testing? Sapevate che con ogni split test avete la possibilità di migliorare il tasso di conversione? Sapete come e quali sono gli elementi che dovete testare? È arrivato il momento di scoprire di più su questa strategia di marketing! L’A/B testing è uno strumento […]

The post Come Usare l’A/B Testing per Aumentare il Tasso di Conversione appeared first on Web Domus Italia.

]]>
Sapete già in cosa consiste l’A/B Testing, noto anche come split testing? Sapevate che con ogni split test avete la possibilità di migliorare il tasso di conversione? Sapete come e quali sono gli elementi che dovete testare?

È arrivato il momento di scoprire di più su questa strategia di marketing!

L’A/B testing è uno strumento molto importante che vi offre la possibilità di aumentare il tasso di conversione e di raddoppiare i leads.

Non dovete più preoccuparvi di trovare un modo per trasformare i visitatori in clienti. Con A/B testing avete a disposizione tutti gli elementi necessari per rispondere a ogni vostra domanda.

A/B Testing

Il primo passo da intraprendere è decidere gli elementi del sito o della landing page da testare. Con l’A/B Testing si può testare un elemento alla volta. Alcuni degli elementi che potete analizzare includono:

-titoli della prima pagina
-ogni elemento grafico direttamente correlato con le vendite
-navigazione
-costi
-testimonianze/recensioni dei clienti
-colori
-call to action
-layout

Se ad esempio, come primo passo, desiderate concentrarvi sui titoli delle prime pagine, applicando l’A/B Testing, potete misurare con certezza l’efficienza di un particolare titolo confrontandolo con il titolo precedente. Utilizzando l’A/B Testing avete la possibilità di misurare i risultati delle diverse pagine del sito web e decidere i titoli più attraenti o interessanti.

Come condurre uno split test?

Primo passo – Determinate cosa volete testare

Dopo aver deciso l’elemento del sito da testare, il passo successivo è determinare come e con cosa sostituirlo. Piccoli cambiamenti, come il font o il colore delle lettere, possono fare una grande differenza agli occhi degli utenti.

Secondo passo – Test e varianti

Adesso è il momento di iniziare con il test. Fate due versioni dei titoli della pagina e lasciate che siano i visitatori a decidere quale sia la migliore. Potete anche decidere di testare il font, la grandezza delle lettere, i colori e ogni altro elemento che ritenete importante in modo da aumentare le conversioni.

Terzo passo – Raccogliere i risultati

Perché il test A/B abbia successo ci si deve assicurare che gli utenti abbiano la possibilità di visualizzare tutte e due le opzioni, sia la versione A che la versione B. Non affrettatevi a trarre le conclusioni senza avere prima a disposizione tutti i dati da analizzare.

Una buona idea è fissare un obiettivo a ognuno delle versioni, ad esempio vedere quale delle versioni arriva a realizzare per prima 100 conversioni. Questo perché per ogni versione ci devono essere abbastanza dati da analizzare.

Quarto passo – Analizzare i risultati

I software di split testing analizzano vari dati come il numero dei click, le vendite e i moduli d’iscrizione per poi determinare quale delle versioni sia più efficiente. Dato che l’A/B Testing lavora in tempo reale e usa un dato gruppo di “partecipanti”, i dati che raccoglierete saranno attuali e corretti.

Se avete tutti i dati a disposizione e ancora non riuscite a decidere sulla versione migliore, questo significa che non esiste una differenza reale o importante tra le due versioni. Per scegliere una versione potete decidere di ripetere l’A/B Testing, ed esaminare altri elementi.

Ottimizzare ogni elemento della strategia di marketing online

Anche se l’A/B Testing può essere usato per ottimizzare o “affinare” ogni aspetto di un sito web, questo processo è molto efficiente per testare certi elementi, quali:

  • Titoli – Assicuratevi che i titoli siano chiari e pensati per attirare i visitatori/clienti
  • Call-To-Action (CTA) – invece di contare su una sola Call to Action, potete esaminare differenti opzioni e definire il modo migliore per stimolare i visitatori a intraprendere un’azione.
  • Prova Sociale (Social Proof) – condividere le recensioni dei clienti e documentare l’attività sui social media (come il numero dei “Mi piace” e “Condividi”) risulta essere un mezzo di marketing molto importante ed efficiente. Usando l’A/B Testing si può avere la certezza che la Riprova Sociale per il sito sia ottimizzata per dare i migliori risultati possibili.

Per una migliore strategia di marketing online

Attraverso l’A/B Testing si possono conoscere con certezza quali sono gli elementi del sito web da cambiare e quali funzionano meglio per aumentare le conversioni.

The post Come Usare l’A/B Testing per Aumentare il Tasso di Conversione appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/usare-a-b-testing-aumentare-tasso-conversione/feed/ 0
Come Promuovere un’App con le Search Ads https://www.webdomus.net/promuovere-un-app-le-search-ads/ https://www.webdomus.net/promuovere-un-app-le-search-ads/#respond Wed, 05 Apr 2017 13:41:05 +0000 https://www.webdomus.net/?p=28957 Apple adesso offre un nuovo modo per promuovere le applicazioni mobile sull’App Store: le Search Ads. Potete creare una campagna pubblicitaria e far notare la vostra app da milioni di utenti. L’App Store Advertising (ASA) è uno strumento in più per ottenere più attenzione e download per la vostra applicazione. Non riguarda l’apparire nei risultati […]

The post Come Promuovere un’App con le Search Ads appeared first on Web Domus Italia.

]]>
Apple adesso offre un nuovo modo per promuovere le applicazioni mobile sull’App Store: le Search Ads. Potete creare una campagna pubblicitaria e far notare la vostra app da milioni di utenti.

L’App Store Advertising (ASA) è uno strumento in più per ottenere più attenzione e download per la vostra applicazione. Non riguarda l’apparire nei risultati di ricerca organici, ma riguarda gli annunci e le campagne a pagamento sugli app store.

Google ha introdotto le campagne a pagamento su Play Store per le app sponsorizzate già nel 2015, mentre che Apple solo recentemente ha lanciato le Search Ads per l’App Store.

Come aiuta la pubblicità a pagamento la popolarità delle app?

Quali sono i vantaggi degli annunci a pagamento sull’App Store? Milioni di persone visitano gli app store quotidianamente per cercare nuove applicazioni. Infatti, oltre il 65 per cento dei download provengono direttamente da una ricerca in un App Store. Certo, se il pubblico a cui è diretto la vostra app è specifico, forse è più conveniente utilizzare altri canali di marketing, ma se l’app intende servire un tipo di pubblico più generico, allora gli app store sono il vostro principale canale di marketing.

Come potete utilizzare le Search Ads?

 Apple vi dà la possibilità di promuovere le app in un modo molto semplice. È sufficiente scegliere l’applicazione che volete pubblicizzare, impostare un budget, definire le parole chiave e Search Ads creerà automaticamente i vostri annunci pubblicitari. E se c’è una buona corrispondenza con la parola chiave, la vostra app sponsorizzata apparirà per prima nei risultati di ricerca dell’App Store.

L’app appare negli annunci di ricerca con uno sfondo blu e un’icona che la identifica come pubblicità cosicché gli utenti possano vedere chiaramente che si tratta di un annuncio a pagamento.

Budget

Pagate solo quando un utente clicca sull’annuncio e siete voi a definire il costo massimo per ogni click, in questo modo potete mantenere sotto controllo le spese. Non c’è un budget minimo e Apple offre agli inserzionisti un credito di $ 100 per un periodo di tempo limitato.

Funzioni avanzate

Aprite Search Ads e create la vostra campagna. Potete sperimentare e testare molte funzioni avanzate, potete targettizzare diversi tipi di dispositivi (iPhone o iPad), posizione, genere o età (18-24, 24-35, ecc). Ad esempio, se avete un’app dedicata alla consegna di cibo a domicilio, potete targettizzare la vostra zona e una certa fascia d’età.

Una volta che avete dato il via alla campagna, è facile monitorare il rendimento degli annunci come il numero di click, il tap-through-rate (TTR) e quanti download avete ottenuto dall’annuncio.

ASA e ASO

Tenete presente che l’App Store Advertising (ASA) ha senso solo quando ottimizzate l’applicazione con App Store Optimization (ASO). Apple utilizza i metadati per definire la rilevanza dei vostri annunci. E, infatti, la rilevanza ha la priorità sul prezzo. Questo significa che dovete ottimizzare la vostra app per i risultati di ricerca negli app store. Se Apple vede che l’app non è rilevante, allora quest’ultima non apparirà nei risultati di ricerca, indipendentemente dal budget che avete investito.

Assicuratevi che la descrizione della vostra applicazione sia rilevante e scegliete le parole chiave più adatte a descrivere la app. In più, potete leggere il nostro articolo sull’App Store Optimization in modo che possiate ottimizzare al meglio la vostra applicazione per tutti gli app store.

The post Come Promuovere un’App con le Search Ads appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/promuovere-un-app-le-search-ads/feed/ 0
Differenziate la Vostra App con l’App Store Optimization https://www.webdomus.net/differenziate-la-vostra-app-lapp-store-optimization/ https://www.webdomus.net/differenziate-la-vostra-app-lapp-store-optimization/#respond Wed, 05 Apr 2017 13:12:47 +0000 https://www.webdomus.net/?p=28950 Appena lo sviluppo di un’applicazione è finito e l’app è pronta, si inizia con la ricerca degli utenti. Ma come si può fare perché l’app ottenga il maggior numero di visite e download possibile? Una buona presentazione nell’app store è un primo passo che molti sviluppatori di app trascurano. Utilizzate l’App Store Optimization per differenziare […]

The post Differenziate la Vostra App con l’App Store Optimization appeared first on Web Domus Italia.

]]>
Appena lo sviluppo di un’applicazione è finito e l’app è pronta, si inizia con la ricerca degli utenti. Ma come si può fare perché l’app ottenga il maggior numero di visite e download possibile? Una buona presentazione nell’app store è un primo passo che molti sviluppatori di app trascurano. Utilizzate l’App Store Optimization per differenziare la vostra applicazione!

Come fanno gli utenti a trovare una nuova applicazione? Certo, potete utilizzare qualche strategia di marketing per promuovere la vostra app, ma la maggior parte degli utenti utilizzano le funzioni di ricerca negli app store per trovare un’applicazione. La maggior parte delle applicazioni vengono scoperte navigando nei vari app store, includendo cui le categorie consigliate come ‘applicazioni più popolari’, ‘scelte della redazione’ e ‘gli utenti hanno installato anche …’

Stare un passo davanti alla concorrenza

Dato che la funzione di ricerca negli app store è uno dei fattori principali per attirare gli utenti, non dovrebbe l’app store optimization essere la vostra prima preoccupazione quando pubblicate un’app? Senza dubbio, tutti voi conoscete già l’ottimizzazione per motori di ricerca utilizzata per i siti web. Ma avete mai pensato di ottimizzare la vostra applicazione mobile per i risultati di ricerca negli App Store? Non molti sviluppatori di app lo fanno, e questa è la vostra occasione di mettervi un passo avanti la concorrenza.

L’App Store Optimization (ASO) è uno strumento che farà sì che la vostra applicazione mobile si posizioni in cima ai risultati di ricerca negli App Store. L’obiettivo della ASO è aumentare il traffico verso la vostra app, la quale deve essere ottimizzata per la conversione finale: il download da parte dell’utente!

Ottimizzare la vostra app include:

  • Usare parole chiave rilevanti;
  • Dedicare attenzione alla pagina della applicazione;
  • Creare un titolo accattivante per la app;
  • Scrivere una buona descrizione per la app;
  • Compilare i campi dedicati alle parole chiave;
  • Includere schermate dell’app;
  • Raccogliere recensioni positive.

Come prima cosa, fate qualche ricerca sui consumatori. Perché un utente dovrebbe scaricare la vostra applicazione mobile? Che cosa rende la vostra applicazione migliore delle applicazione concorrenti? Che lingua parlano i vostri potenziali clienti? Quali parole chiave usano gli utenti per trovare app simili alla vostra?

Utilizzate parole chiave rilevanti per la vostra applicazione

La vostra strategia di ricerca inizia con il trovare le parole chiave più rilevanti per la vostra app. In tutti gli app store è importante inserire una parola chiave nel titolo della app. Diversamente succede per la descrizione, ad esempio nell’App Store di Apple, inserire la parole chiave nella descrizione dell’app non aiuta molto in quanto la densità delle parole chiave nella descrizione non è un fattore di posizionamento nei risultati di ricerca di Apple.

Come trovare le parole chiave che descrivono meglio la vostra app? Provate, esaminate e sperimentate con le parole chiave. Proprio come per la SEO, le parole chiave generiche sono ampiamente utilizzate e hanno molta concorrenza. Quindi optate per le parole chiave più specifiche.

Includete le parole più rilevanti nei campi dedicati sulla pagina dell’app. Sugli App Store avete a disposizione solo 100 caratteri per le parole chiave. Google, invece, consente di utilizzare 4.000 caratteri, ma non potete esagerare. Non si possono usare parole chiave in eccesso. Scrivete un testo che abbia senso per gli utenti e fate un uso appropriato delle parole chiave nella descrizione della vostra app.

Titolo e la descrizione dell’App

Ottimizzate la vostra app creando un titolo originale ed accattivante. Il titolo dell’applicazione può essere più lungo negli app store che sullo schermo del cellulare, infatti, i titoli delle applicazioni negli app store variano da 23 caratteri per Apple a 30 caratteri per Google Play. Sullo schermo i titoli delle app sono in genere ridotti a 11-14 caratteri.

Utilizzate parole chiave rilevanti e una descrizione adatta alla vostra applicazione. Per Google Play è possibile aggiungere parole chiave rilevanti anche nella descrizione della app. Mettete in chiaro di cosa tratta la vostra applicazione già dalla prima frase della descrizione dell’app, e ricordate che state scrivendo per gli esseri umani, non per i motori di ricerca. Scrivete una descrizione reale e aggiornatela quando il contenuto dell’app cambia.

Icone e screenshot

Create un’icona attraente per la vostra applicazione e includetela insieme agli screenshot delle funzionalità nella pagina dell’app. Tenete sempre a mente che la pagina dell’app è fondamentale perché gli utenti decidano di eseguire o no il download dell’applicazione.

App Store Optimization? Non in due minuti

Prima di pubblicare la vostra app dovete dedicare il tempo necessario anche alle funzioni di ottimizzazione, poiché non è qualcosa che si pensa negli ultimi due minuti prima di pubblicare l’applicazione.

Dopo che avrete pubblicato la vostra app, cercare di ottenere buone recensioni dato che sono un fattore molto importante nei risultati di ricerca e influenzano l’aumento del tasso di conversione o in questo caso il numero di download dell’app.

The post Differenziate la Vostra App con l’App Store Optimization appeared first on Web Domus Italia.

]]>
https://www.webdomus.net/differenziate-la-vostra-app-lapp-store-optimization/feed/ 0