Esistono molte app dedicate all’archiviazione in cloud disponibili, come Google Drive. Una buona app dedicata ai cloud offre agli utenti un facile accesso ai file archiviati e protetti anche dai dispositivi mobili. Le alternative a Google Drive naturalmente esistono. A questo punto ti stai chiedendo quale app alternativa a google drive scegliere! Noi ti elenchiamo 4 delle migliori alternative da scegliere nel 2020:

1. pCloud

pCloud è un’app votata all’archiviazione dei dati, facile da usare ed efficiente. Funzionalità di sicurezza come cartelle codificate e password protette rendono pCloud perfetto per gli utenti e le società alla ricerca di soluzioni di archiviazione cloud convenienti e facili da imparare per tutti. Offre strumenti e opzioni continuamente aggiornati. Inoltre, rimane uno dei sistemi di archiviazione cloud più accessibili dal cellulare.

pCloud manca di funzionalità di modifica. Questo è un problema per la maggior parte delle aziende, poiché le funzionalità di modifica sono fondamentali per l’archiviazione di grandi quantità di file in un sistema cloud. Inoltre, le funzionalità di scalabilità sono insufficienti e molte aziende devono eseguire l’aggiornamento dopo un breve periodo di tempo.

2. Dropbox

Dropbox è il servizio cloud più popolare disponibile, quindi merita il secondo posto in questa speciale classifica. È disponibile per molti sistemi operativi diversi e per tutti i device mobili. Dropbox è un software di archiviazione molto permissivo: offre un servizio gratuito agli utenti e permette di immagazzinare una grande quantità di file. Ha aumentato la sua sicurezza negli ultimi anni e continua a evolversi come strumento di archiviazione grazie allo sforzo costante nei progressi tecnologici.

Dropbox ha lavorato duramente per consolidare la sua sicurezza, ma non riesce ancora a proteggere i dati sensibili degli utenti da tutti i tipi di attacchi. Poiché è lo strumento più popolare per l’archiviazione, è un obiettivo dichiarato per gli hacker. Questo ha portato Dropbox a tutta una serie di inconvenienti, anche se risulta nettamente migliorato in queste aree.

3. Sync

Sync è un software di archiviazione cloud molto usato. Consente agli utenti di condividere i dati tra loro senza limiti di dimensioni. La sincronizzazione consente agli utenti di accedere ai file da molti dispositivi. Regola inoltre i backup dei dati in modo che i file archiviati siano recuperabili e mai persi. Da prendere in considerazione se devi condividere file di grandi dimensioni o elevate quantità di file contemporaneamente.

Un aspetto negativo di Sync da considerare è la mancanza di archiviazione organizzata dei dati. Individuare file specifici è difficile senza potenti funzionalità organizzative. Per questo motivo, gli utenti e le aziende che archiviano molti file nel proprio spazio di archiviazione cloud possono avere difficoltà a trovare i file.

4. OneDrive

OneDrive è il software di Microsoft per archiviare i file nel cloud. La migliore caratteristica offerta è la sua comoda integrazione con la suite Office. OneDrive si adatta perfettamente a programmi come Word, PowerPoint ed Excel. Un altro vantaggio da considerare è la potenziale collaborazione per le aziende che desiderano archiviare i file aziendali affinché i team possano modificarli insieme.

In OneDrive, la sua migliore caratteristica può ritorcersi contro. Infatti i prodotti Office integrati sono validi solo per utenti e aziende che possiedono la suite Office. Di conseguenza OneDrive è perfetto per gli utenti di prodotti software Microsoft, risultando l’opposto per gli altri.

Conclusioni

In definitiva, assicurati che l’app di archiviazione cloud implementata abbia funzionalità uniche che la distinguano dai servizi cloud di base. Individua i punti in cui Drive è rimasto corto per trovare l’alternativa migliore.

Pin It on Pinterest