La voglia di acquistare con pochi clic si è diffusa dal Business to Consumer (B2C) alla sezione Business to Business (B2B). La gente sta dimostrando un crescente interesse nell’effettuare ordini online, con le piattaforme di e-commerce.

In un certo senso, una è una novità. I negozi online sono diffusi da molto tempo ormai, tuttavia, oltre alla vendita diretta ai clienti finali, si stanno espandendo anche nel settore B2B.

Solo negli Stati Uniti, l’e-commerce rappresenta il 10% delle vendite al dettaglio e si prevede che aumentino di circa il 15% all’anno. Oltre a soddisfare le esigenze di altre aziende, tali piattaforme offrono numerosi vantaggi.

Andiamo ad analizzare, quindi, i vantaggi nell’investire in una piattaforma di e-commerce B2B nel 2019:

 

1. La crescita dell’ e-commerce B2B è scritta nel destino

 

La spesa nell’e-commerce B2B è aumentata drasticamente. Per soddisfare queste esigenze, l’investimento nelle piattaforme business to business ha raggiunto il picco. In effetti, è aumentato a un ritmo che è più di due volte la spesa per il mercato dell’e-commerce B2C.

Anche le previsioni relative alla sua crescita sono positive. Entro il 2019, il settore del commercio elettronico B2C dovrebbe raggiungere un valore di mercato di  $ 1,1 trilioni. Al contrario, il mercato B2B si prevede di avere un valore di $ 480 bilioni nel prossimo anno.

Un recente sondaggio ha rivelato che l’85% delle aziende B2B comprende che l’e-commerce è un flusso di entrate fondamentale che non hanno saputo sfruttare appieno. Secondo Shopify, “L’acquirente B2B d’oggi si è evoluto. Invece di rivolgersi a fonti tradizionali come i rappresentanti di commercio e grossisti, ora si concentrano verso l’online.”

 

2. Vanta significativi valori sugli ordini

 

Le piattaforme di e-commerce digitali mostrano alti tassi di conversione e valori sugli ordini. Gli ordini effettuati su tali piattaforme tendono a essere ingombranti per natura. Questo è uno dei motivi principali per cui il mercato digitale B2B è cresciuto più del mercato B2C.

Inoltre, gli acquirenti B2B tendono a essere più veloci negli ordini d’acquisto. Il valore medio di una transazione è di circa $ 491. In confronto, il valore medio di un ordine B2C è di $ 147.

Con questi modelli di acquisto ed elevati tassi di conversione, hai un altro motivo per impostare una piattaforma di e-commerce il prossimo anno. I siti web che soddisfano le esigenze di altre imprese delineano i tassi di conversione medi del 10%.

 

3. Soddisfa le esigenze del buyer persona in continuo cambiamento

 

Il portafoglio degli acquirenti nel business sta cambiando in modo significativo. I millennials stanno entrando sempre più nel settore B2B. Di conseguenza, tali acquirenti mostrano una preferenza per l’online shopping.

Nel 2015, Google ha notato questo cambiamento negli acquirenti.

Ha evidenziato che circa la metà degli acquirenti B2B sono millennials. I risultati dello studio di Heinz e SnapApp forniscono ulteriori informazioni, rivelando che a differenza dei baby boomers o della generazione X, gli acquirenti millennials tendono a prendere decisioni di acquisto indipendenti.

I nuovi compratori si fidano dei loro pari più che dei venditori. Inoltre, i millenials, si aspettano le stesse esperienze personalizzate attraverso i canali digitali, come gli acquirenti di  vecchia generazione, (Gen X) si aspettavano da un rappresentante di vendita.

 

4. Un negozio di e-commerce migliora il tuo servizio clienti

 

In uno scenario tipica nell’industria del commercio, un rappresentante del servizio clienti (CSR) cerca la disponibilità di un prodotto sul sistema ERP ed effettua un ordine.

Sfortunatamente, un sistema ERP non offre un’interfaccia user-friendly come una piattaforma di e-commerce sa offrire, i CSR possono fornire servizi efficienti con una piattaforma facile da usare.

Per non dimenticare, una CSR efficiente offre una migliore esperienza cliente, obiettivo questo, destinato a diventare il principale elemento distintivo per le imprese entro il 2020, classificandosi com uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione.

 

5. Vita facile ai rappresentanti di commercio

 

Una piattaforma di commercio digitale aiuta anche a migliorare l’efficienza dei rappresentanti di commercio. Come accennato, tali piattaforme sono facili da usare.

Di conseguenza, i rappresentanti possono semplicemente aprire il negozio sui loro telefoni o tablet per rispondere alle domande dei consumatori, controllare l’inventario dei prodotti e suggerire prodotti e molto altro.

Tali piattaforme, dicono addio agli enormi cataloghi cartacei per verificare la disponibilità delle merci. Poiché i negozi digitali rendono il processo più efficiente, si può prestare maggiore attenzione al consolidamento del servizio clienti.

6. Le analisi statistiche del negozio online forniscono informazioni preziose

 

L’obbiettivo principale delle imprese, che servono direttamente individui o altre aziende, è capire meglio le esigenze dei loro clienti.

Un negozio di e-commerce è utile anche a questo scopo. Esso fornisce informazioni preziose su ciò che gli acquirenti cercano e ciò che acquistano. Puoi anche capire se i clienti utilizzano la casella di ricerca o ti raggiungono tramite click-through.

Pertanto, monitorando tali metriche e dati, i manager possono rendere i prodotti più accessibili, pianificare offerte, creare promozioni e così via.

7. Offre l’opportunità di raggiungere più clienti

 

Un gran numero di persone acquista online, il che significa che è possibile raggiungere un mercato importante nella sfera online. Di conseguenza, è fondamentale investire in una piattaforma di e-commerce B2B.

Le statistiche supportano questa affermazione.

L’89% degli acquirenti B2B utilizza Internet quando svolge il proprio lavoro di ricerca. Inoltre, Forrester rivela anche che il 30% degli acquirenti effettua la metà o più della metà dei propri acquisti online.

Inoltre, il 56% degli acquirenti B2B prevede di effettuare acquisti della stessa quantità di merci nei prossimi tre anni.

8. Ti consente di rimanere un passo avanti sulla concorrenza

 

Il commercio online B2B è ancora agli inizi, iniziare nel 2019, di consentirà di essere un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Il report nel settore B2B del 2018 di Big Commerce descrive la necessità di un investimento appropriato. L’nalisi sottolinea che “L’e-commerce non è più nebuloso per il B2B ma è una forza trainante. Gli imprendotori devono approfittare di questa opportunità di crescita per non rischiare di rimanere indietro.”

L’espansione del settore dell’e-commerce B2B, rende fondamentale tale investimento. Gestire un e-commerce B2B non è una scienza da ingegneria spaziale, se questo è un ostacolo che ti trattiene, i tempi sono ormai maturi per sfruttare il potenziale di una piattaforma di commercio digitale.

Pin It on Pinterest